Diritto Bancario


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 23702 - pubb. 10/06/2020

Furto del bancomat e responsabilità del proprietario per omessa diligente custodia

ABF Torino, 25 Ottobre 2019. Pres. Lucchini Guastalla. Est. De Francesco.


Richiesta ad istituto bancario di restituzione degli importi relativi a operazioni di prelievo e pagamento disconosciute, eseguite a seguito di furto di carta bancomat - Violazione colposa dell’obbligo di diligente custodia dello strumento di pagamento e delle relative credenziali gravante sull’utilizzatore del bancomat - Presunzione di colpa grave, tenuto conto del lasso di tempo temporale tra il furto e l’utilizzo non autorizzato



L’operazione eseguita con bancomat rubato mediante uso di pin non comporta automaticamente la responsabilità dell’utilizzatore della carta, dovendosi verificare caso per caso l’elemento soggettivo del titolare dello strumento di pagamento.

La stretta sequenza temporale tra il furto e l’operazione non autorizzata fa desumere, con un elevato grado di probabilità, che il codice segreto fosse custodito insieme alla carta. Tale comportamento fonda la presunzione della sussistenza della colpa grave nonché la violazione degli obblighi di conservazione e sicurezza, in relazione alle disposizioni di legge e di contratto. (Lorena Iannuzzi) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Lorena Iannuzzi


Il testo integrale